Giuseppe Tomai

Psicologo, psicoterapeuta, socio-formatore aico

COLTIVARE IL GIARDINO

individuare la mission e contattare il Maestro interiore



Tematica: Counseling , Formazione

 “Un musicista deve fare musica, un pittore deve dipingere,

un poeta deve scrivere, se vogliono essere davvero in pace

con se stessi. “

(Abraham Maslow)


« Se un uomo non ha scoperto qualcosa per cui è disposto

a morire, non è degno di vivere »

(Martin Luther King)

 

Ci fermiamo, ogni tanto, a chiederci « cos’è importante per me? » , « cosa mi sta veramente a cuore? ». C’è chiarezza dentro di noi rispetto alle motivazioni profonde che ci spingono a compiere gesti, azioni, dichiarazioni d’intenti, stabilire relazioni? Le motivazioni che ci spingono a muoverci nel mondo ( o quelle che ci bloccano e ci limitano nell’espressività) sono parte significativa della nostra identità, del nostro tratto, della nostra unicità. Quando penso a questi temi, le motivazioni, la nostra missione nel mondo, i nostri valori, mi vengono sempre in mente i giovani; come gli stiamo tradendo! Immettiamo in dose massiccie false illusioni, speranze di essere soddisfatti se ottengono fama, successo, oggetti materiali (le soddisfazioni dell’ Ego) , facendo poco o nulla per aiutarli a contattare la loro unicità, i loro sogni, i loro talenti.

Conosciamo tutti la bella parabola dei talenti narrata da Gesù : un uomo dovendo partire per un lungo viaggio chiama i suoi servie consegnò loro i suoi beni. A uno diede cinque monete (talenti) all’altro due e al terzo una e partì. Il servo che aveva ricevuto cinque talenti andò subito a negoziarli e ne guadagnò altri cinque. Quello che ne aveva ricevuti tre, ne guadagnò altri due. Il servo che aveva ricevuto un solo talento, per paura di perderlo, fece un buco nella terra e lo nascose. Dopo tanto tempo tornò il padrone e chiamò i servi a render conto. Quello che aveva ricevuto cinque talenti ne presentò altri cinque e il padrone allora lo benedisse e gli regalò i dieci talenti. Si presentò poi il secondo che aveva ricevuto due talenti dicendo : « Signore, mi hai dato due talenti e io ne ho quadagnato altri due » Il padrone ringraziò anche questo servo e regalò anche a lui i quattro talenti. Infine si presentò il servo che aveva ricevuto un talento solo e lo riconsegnò al padrone dicendo : «  Ho avuto paura di perderlo e l’ho nascosto sotto terra, ecco,prendi ciò che ti appartiene ». Il padrone allora gli tolse l’unico talento, perchè non l’aveva fatto fruttare e lo cacciò. La parabola conclude dicendo : « …poichè a chi ha, sarà dato in spvrabbondanza, ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha ».

Tutto un pò sadico? Apparentemente si, ma se andiamo più in profondità nella riflessione capiamo il messaggio : se non si usano le nostre capacità, le nostre risorse, se non si vive per i nostri valori,realizzando i nostri talenti, il rischio è forte; perdere tutto, cadere nell’abisso della fede negativa, nella palude delle lamentele senza fine o nell’aridità delle pretese verso gli altri e verso il mondo.

In questo seminario faremo esperienza su : individuare la propria Mission, allineamento dei livelli logici (Dilts), obiettivo ben formato, contattare il Maestro interiore.

 

Libri:

 

R. Dilts, “ Leadership e visione creativa ”, Ed. Isvor

W.W.Dyer, “Il tuo sacro io”, Ed. Tea

 



Condividi                

Copyright Giuseppe Tomai. Tutti i dititti riservati. Vietata la riproduzione

Ricerca








Tematiche



background Tomai